Terrazzi e balconi, come tenerli puliti al meglio | webcasa24.ch
Home » Magazine » Giardino ed esterni » Terrazzi e balconi, come tenerli puliti al meglio

Terrazzi e balconi, come tenerli puliti al meglio

Quali sono i metodi e i prodotti migliori per pulire terrazzi e balconi? Leggi i nostri consigli.


Balconi e terrazzi sono l’oasi del relax ma bisogna tenerli puliti e ben curati in ogni tempo. Se vuoi goderti il tuo terrazzo o balcone quando tornerà la bella stagione, metti in programma fin da ora una pulizia straordinaria a marzo/aprile, magari affidandola a un’impresa di pulizie, per sistemare pavimenti e arredi che sono stati inutilizzati per mesi.

La pulizia degli esterni a inizio stagione

Anche tu, come tutti del resto, durante l’inverno ti sei rintanato in casa e hai abbandonato balconi e terrazzi alla furia degli agenti atmosferici? Prima di ricominciare a vivere i tuoi spazi esterni, c’è quindi bisogno di rimetterli in sesto per renderli di nuovo ospitali. La pulizia straordinaria che viene effettuata a inizio primavera prevede la pulizia accurata degli arredi, delle ringhiere, delle coperture e dei pavimenti. Vediamola nel dettaglio.

Pulizia degli arredi per esterno

Un’impresa di pulizia utilizza per gli arredi prodotti differenti a seconda del materiale con cui sono realizzati. Gli arredi in plastica sono i più facili da pulire, basta un po’ d’acqua, una spugna e del comune detergente. Acqua e spugna possono essere usati anche per gli arredi in ferro, ma in questo caso prima di procedere bisogna valutare se sono stati attaccati dalla ruggine. Se così fosse, prima di pulirli è necessario grattarla via con una spazzola abrasiva e coprire la superficie con un prodotto antiruggine specifico, per evitare che con il tempo la ruggine si riformi più ostinata di prima. Anche gli arredi in legno potrebbero essere stati rovinati da pioggia, neve e gelo, per questo un’impresa di pulizia utilizza spazzole setolate per togliere il grosso della polvere e stendere un olio specifico per la protezione del legno. Infine, per gli arredi in vimini, ricorda che non bisogna mai usare l’acqua, ma limitarsi a spolverare con un piumino gli intrecci dove si annida la polvere. 

 Il consiglio in più: per evitare che l’inverno li danneggi, a fine stagione copri i tuoi arredi con un telo in plastica. All’inizio della primavera saranno sufficienti pochi lavori di pulizia per riaverli belli come li avevi lasciati!

Pulizia delle ringhiere 

Anche per le barriere dei terrazzi la pulizia dipende dal materiale. Per le barriere in ferro basta una passata con acqua e detergenti per la casa, per le ringhiere in alluminio meglio usare acqua e sapone di Marsiglia, mentre le barriere in cemento devono essere spazzolate con acqua, bicarbonato e tanto olio di gomito per rimuovere la polvere che si annida nelle fessure. Le ringhiere in legno, invece, hanno bisogno di un’attenzione particolare: dopo aver rimosso la polvere bisogna levigarle e trattarle con prodotti specifici che proteggono questo materiale dagli agenti atmosferici. 

Pulizia delle tende da sole

A inizio primavera anche le tende da sole e le coperture per esterni hanno bisogno di una pulizia generale. Per prima cosa l’impresa di pulizia toglie la tenda dalla sua struttura (se la tua tenda è montata su un terrazzo ai piani alti saranno necessarie delle misure di sicurezza). Se la tenda è in tessuto si potrà portare direttamente in lavanderia e rimontarla ancora bagnata: il sole l’asciugherà per te. Se la tenda è in PVC o altri materiali plastici, invece, l’impresa provvederà a un lavaggio manuale con spazzola, acqua e detersivo specifico che sciolga anche le macchie più ostinate. 

Pulizia dei pavimenti esterni

La pulizia dei pavimenti esterni deve essere effettuata sia a inizio stagione che con regolarità durante i mesi estivi, solo così potrai togliere foglie, polvere e macchie e avere uno spazio esterno sempre accogliente! 

A seconda del materiale, un professionista utilizzerà tecniche e prodotti differenti per avere una pulizia efficace. Per il pavimento in pietra o ciottolato è importante togliere i residui che potrebbero graffiare la superficie e, se è molto sporco, spazzolarlo con una soluzione di acqua e sapone. Non c’è bisogno di risciacquare. Per i pavimenti in ardesia basta passare con cura uno straccio bagnato con un po’ d’acqua, mentre per il gres è necessario utilizzare prodotti specifici perché i comuni detergenti tendono a lasciare aloni sulla sua superficie. La pavimentazione esterna più ostica da pulire resta il cotto. In questo caso l’impresa di pulizia utilizzerà una soluzione creata apposta fatta di acqua, aceto e sapone neutro, passerà la cera per mantenere il pavimento lucido e pulirà le macchie con prodotti al bicarbonato per evitare che il materiale le assorba e le renda indelebili. 

L’idropulitrice: l’alleato per le pulizie esterne

Esiste uno strumento spesso utilizzato dalle imprese di pulizia che devono pulire pavimentazioni esterne, ringhiere e facciate: l’idropulitrice. Grazie a un getto d’acqua molto forte, l’idropulitrice scalfisce lo sporco e lo rimuove in un baleno, ma per ottenere buoni risultati bisogna regolare bene la potenza e il flusso dell’acqua. Inoltre, si deve fare molta attenzione perché il getto d’acqua puntato in modo errato, per esempio sui piedi, potrebbe causare ustioni e altri danni alla pelle. 

 Il consiglio in più: l’idropulitrice pulisce ogni genere di superficie, dalle tende ai vasi, senza bisogno di usare spazzole e detergenti.


Non hai tempo per pulire con cura i tuoi spazi esterni, ma non vuoi rinunciare al relax di una domenica pomeriggio all’aperto? Affida la pulizia ai nostri professionisti: puliranno ogni cosa con i prodotti giusti o con l’idropulitrice, e tu dovrai solo decidere quando uscire a goderti la bella stagione! 

Whatsapp Chat
Invia tramite WhatsApp