Stufe e stufe a pellet. Le potenzialità e i vantaggi

Anche se talvolta, nell’aspetto, richiamano la tradizione, le stufe sono apparecchi tecnologici ed ecocompatibili per riscaldare la casa.
Alimentati a legna o a pellet, possono integrare o sostituire le caldaie, a condizione che abbiano una potenza adeguata.

I vari modelli si distinguono per i differenti sistemi di diffusione del calore e il più tradizionale è quello a irraggiamento, in cui il calore accumulato viene ‘irradiato’ gradualmente nell’ambiente. Con queste stufe, generalmente a legna, è possibile riscaldare solo l’ambiente in cui sono state installate, o poco più.

Con il sistema a convezione, invece, il riscaldamento avviene tramite i flussi d’aria naturali o forzati, grazie a ventole presenti al loro interno. Si tratta delle stufe a pellet, la cui potenza permette di integrarle con sistemi di canalizzazioni in grado di riscaldare sia l’aria di più ambienti, sia l’acqua nel circuito di riscaldamento a termosifoni.

In quest’ultimo caso si parla più precisamente di termostufe con sistemi ad acqua, in grado di ricoprire il fabbisogno termico dell’intera abitazione, anche se disposta su più livelli, e inoltre producono acqua calda.

I vantaggi delle stufe a pellet riguardano l’affidabilità, la combustione ecologia e la comodità di programmarne il funzionamento, che può avvenire anche a distanza, da smartphone o tablet, con una semplice applicazione.
A differenza dei prodotti ad acqua tradizionali, qui si può decidere quanta potenza dare all’aria e quanta all’acqua, controllando così la temperatura dell’ambiente. Un sistema all’interno dell’apparecchio, inoltre, permette di adeguare l’aria comburente alla qualità di pellet – di ogni tipo – presente nel braciere e di bruciare in modo efficace indipendentemente dal tipo di collegamento alla canna fumaria.

Ti è piaciuta questa idea?

  • Hai trovato questo articolo utile?
  • SI   NO

Start typing and press Enter to search