• Home
  • Magazine
  • Tutto quello che devi sapere sull’isolamento a cappotto

Tutto quello che devi sapere sull’isolamento a cappotto

D’inverno spendi troppo in riscaldamento e d’estate la tua casa è invivibile per colpa del caldo? La soluzione potrebbe essere un isolamento a cappotto, che ti permette di isolare le pareti ed aumentare il comfort abitativo dei tuoi interni. Non ne hai mai sentito parlare? Allora continua a leggere!

Cos’è l’isolamento a cappotto

L’isolamento a cappotto è un vero e proprio “cappotto” che viene messo alle pareti: una copertura in materiale isolante che riduce la dispersione di calore in inverno e permette di ottenere ambienti più freschi d’estate.

Isolamento a cappotto: muri camera da letto

Meglio un isolamento esterno o interno?

L’isolamento a cappotto può essere effettuato sia sulle pareti esterne dell’edifico che su quelle interne. La scelta migliore, però, è l’isolamento a capotto esterno, questo perché:

  • Isola le pareti in modo continuo, senza interruzioni nel materiale isolante dovute a solette e pareti
  • Mantiene una temperatura costante anche sui muri, evitando così la formazione di muffa tra l’isolante interno e il muro perimetrale

Non necessita di barriere a vapore, ovvero i rivestimenti necessari ad evitare la formazione di condensa sui muri

Quale materiali utilizzare?

Gli isolamenti a cappotto possono essere realizzati con pannelli di diversi materiali in base al risultato che si vuole ottenere. Se l’obiettivo è mantenere le temperature interne più calde durante l’inverno si possono utilizzare i pannelli in Polistirene Espanso -EPS-, estruso -XPS- o lana di vetro, se invece si cerca anche di avere ambienti freschi in estate è meglio utilizzare fibre di legno e/o pannelli in sughero. Infine, se l’edificio si trova in zone particolarmente umide e c’è un alto rischio di muffa, la soluzione ideale è il silicato di calcio.

Isolamento a cappotto interno

Quando l’isolamento a cappotto non basta

A volte realizzare un isolamento a cappotto migliora il comfort abitativo, ma non risolve del tutto il problema della dispersione di calore. In questi casi, dunque, è bene valutare anche di cambiare i serramenti, in modo da sostituire vecchi infissi poco isolati con soluzioni di ultima generazione che garantiscono un isolamento continuo anche in concomitanza delle aperture presenti sulle pareti.

Vuoi migliorare il comfort abitativo del tuo appartamento o della tua casa? Contatta i nostri professionisti e richiedi subito un preventivo per il tuo nuovo isolante a cappotto.

0 Condivisioni