Rinnovare la cucina: come spartire il budget | webcasa24.ch
Home » Magazine » Cucina » Rinnovare la cucina: come spartire il budget tra mobili, impianti, elettrodomestici

Rinnovare la cucina: come spartire il budget tra mobili, impianti, elettrodomestici

Hai deciso di ristrutturare la cucina e hai paura di finire il budget prima di aver completato i lavori? Non preoccuparti! In questo articolo facciamo chiarezza sulla pianificazione dei costi e su come suddividere il budget senza rinunciare a nulla. Sei pronto? Iniziamo! 


Le opere edili 

Se stai ristrutturando una cucina di 15/20 anni fa o anche di più, con tutta probabilità dovrai effettuare degli interventi sull’impianto elettrico, cambiare i pavimenti e ridipingere le pareti. Se non hai in programma interventi edili sostanziosi, come l’abbattimento di una parete per creare un open space, il costo complessivo per i rivestimenti sarà circa il 5%, mentre sistemare l’impianto elettrico e aggiungere qualche presa per gli elettrodomestici ti verrà a costare il 6%, per un totale di 10/11% di budget da destinare agli interventi edili. 

L’impianto di aspirazione 

Un discorso a sé merita l’impianto di aspirazione che è fondamentale, soprattutto se ami stare ai fornelli. Il sistema di aspirazione può essere tradizionale, con una cappa sottopensile collegata all’esterno, o filtrante, con una cappa elettrica che non ha bisogno di tubature. Il costo da destinare all’aspirazione fumi può aumentare se vuoi una soluzione hi-tech, con aspirazione perimetrale e rilevamento automatico dei fumi, ma nell’insieme questa voce di spesa non supera mai il 6% del tuo budget totale

Gli elettrodomestici

Sebbene siano considerati la spesa più incisiva per la ristrutturazione della cucina, gli elettrodomestici rappresentano solo il 20% del costo totale. Il loro prezzo può variare di molto se: 

Se scegli modelli ad incasso

I modelli ad incasso sono più costosi rispetto ai modelli con libera installazione, ma si integrano meglio al design complessivo della cucina, ti aiutano ad avere un ambiente sempre ordinato dove frigorifero, lavastoviglie, forno e forno a microonde si nascondono tra i pensili, e trasformano la cucina in una zona living da vivere in ogni momento della giornata, non solo durante i pasti. 

Se acquisti elettrodomestici in classe A+

Il costo di un elettrodomestico in classe A+ è maggiore rispetto ad un elettrodomestico di vecchia generazione, ma sul lungo periodo è più economico. L’investimento iniziale, infatti, viene compensato dal risparmio sulle bollette e in pochi anni riguadagni quanto speso all’inizio e continui a risparmiare. Inoltre, con elettrodomestici in classe A+ riduci anche le emissioni e contribuisci a salvaguardare il pianeta, così che la tua nuova cucina migliori la tua casa, il tuo stile di vita, ma anche l’aria che respiriamo ogni giorno! 

Se li ordini dal fornitore dei mobili

I fornitori di mobili hanno contratti di distribuzione con i produttori di elettrodomestici che gli permettono di avere lavastoviglie, frigoriferi, fornelli ad induzione e forni a prezzi più vantaggiosi. Acquistare gli elettrodomestici da chi ti fornisce i mobili ti permette quindi di spendere meno. Inoltre, elettrodomestici e mobili acquistati da uno stesso professionista verranno consegnati e installati nello stesso giorno, ottimizzando i tempi di lavoro. 

Pensili, ante e finiture

Quando ristrutturi la cucina, la spesa più consistente è rappresentante dai mobili che coprono il 63% del tuo budget totale. Il prezzo dei mobili, però, è molto variabile, e dipende dal tipo di finiture e di materiali che scegli. Materiali di pregio come il legno massello o l’acciaio sono più costosi rispetto al comune laminato, e anche i singoli dettagli possono fare la differenza. Scegliere maniglie particolari, zoccolini effetto sospeso, colorazioni fuori catalogo rendono la tua cucina unica, ma fanno lievitare la spesa per i mobili senza che tu te ne accorga!

Un’attenzione particolare va dedicata anche alla scelta del piano da lavoro, che deve essere resistente e impermeabile, per questo ti consigliamo di non badare a spese e sceglierne uno di qualità! La soluzione con un buon rapporto qualità/prezzo è rappresentata ancora una volta dalle pietre sintetiche come il Gres Porcellanato. Se vuoi un piano di lavoro pratico, esteticamente bello e anche molto resistente, ti consigliamo anche i nuovi materiali come Fenix e Laminam. Ne abbiamo parlato approfonditamente nella nuova Guida ai materiali per la cucina (che puoi scaricare gratuitamente).


Vuoi ottimizzare al meglio la spesa per la ristrutturazione della cucina? Richiedi una consulenza senza impegno ai nostri professionisti. Sapranno aiutarti a suddividere il tuo budget senza avere brutte sorprese a fine lavori.

Whatsapp Chat
Invia tramite WhatsApp