• Home
  • Magazine
  • Parquet: 3 cose che ti hanno fatto credere sui pavimenti in legno

Parquet: 3 cose che ti hanno fatto credere sui pavimenti in legno

Parquet è sinonimo di calore e fascino, ma il pavimento in legno ha anche indubbie qualità funzionali: ottimo isolamento termico, resistenza all’usura e fonoassorbenza.
Fornitori ed esperti si moltiplicano, ma quanti miti si sono venuti a creare attorno al parquet?
Sfatiamo i più comuni!

Il parquet è difficile da pulire e facile da rovinare

Niente di più falso! Il parquet verniciato o oliato va semplicemente aspirato con regolarità (o passato con panno attira-polvere) e pulito con un panno in microfibra inumidito con acqua e poco detersivo neutro e ben strizzato. Evitare assolutamente alcool, ammoniaca e solventi.

Per la pulizia del parquet prelevigato o spazzolato, invece, vanno seguite le istruzioni del parchettista, con i relativi prodotti per la pulizia consigliati.


 

Niente parquet in bagno e in cucina

E’ vero che i pavimenti in legno temono l’acqua, ma solo se questa rimane a stagnare per lungo tempo: via libera, quindi, a parquet in cucina e in sala da bagno, grazie a materiali a prova di schizzi e umidità!

L’unica accortezza da tenere a mente nella scelta del legno da posare è di scegliere Iroko, Merbau, Teak e Doussié, che sono parquet meno sollecitati dall’umidità.
Vanno evitate, invece, specie legnose con forte presenza di tannino, come il rovere: a contatto con l’umidità di bagno e cucina potrebbero rovinarsi con inestetiche macchie nere.

Niente parquet con il riscaldamento a pavimento

Se fosse vero, in ogni costruzione a basso impatto ambientale sarebbero banditi i pavimenti in legno!
Sicuramente però, per installare un parquet su massetto riscaldante, l’azienda a cui ci rivolgiamo dovrà essere esperta e aggiornata.

Per quanto riguarda l’uso corretto del riscaldamento a pavimento su parquet, fondamentale sarà mantenere la temperatura del fluido riscaldante a basso regime, mentre la temperatura superficiale non dovrà superare i 26°C – 27°C.
Altro punto molto importante riguarda l’umidità dell’ambiente: per evitare il formarsi di deformazioni del pavimento in legno, occorre che l’umidità ambientale sia mantenuta tra il 50% e il 60%.