MoPEC: le direttive sul consumo energetico delle abitazioni | webcasa24
Home » Magazine » Impianti ed energie alternative » MoPEC: le direttive sul consumo energetico delle abitazioni
consumo energetico mopec

MoPEC: le direttive sul consumo energetico delle abitazioni

È possibile che, negli ultimi anni, tu abbia già sentito parlare del MoPEC, ma è altrettanto probabile che non ti sia molto chiaro che cos’è e di cosa si tratta. È normale quando si parla di Direttive e di disegni di Legge che alcune cose risultino poco chiare.
Capiamo insieme cos’è il MoPEC e perché ne stiamo parlando.


MoPEC: Cos’è e cosa significa?

MoPEC è un acronimo che sta per “Modello di prescrizioni energetiche dei Cantoni” ed è l’insieme delle indicazioni sul tema del consumo energetico per gli edifici che i Cantoni stessi hanno elaborato in base alle loro esperienze nel campo esecutivo.
In pratica, l’obiettivo del MoPEC è di elaborare delle direttive comuni a tutti i Cantoni (una sorta di minimo comune multiplo) per armonizzare e rendere più omogeneo il settore delle prescrizioni energetiche per chiunque si occupi di progettazione degli edifici e delle relative domande di licenza edilizia.

Il MoPEC, però, è attualmente ancora un disegno di Legge e non una Legge federale approvata e ufficiale. Questo significa che ogni Cantone, a partire dal 2014, ha potuto implementare le direttive come meglio riteneva (integralmente o parzialmente).
Tuttavia, entro la fine del 2020 tutti i Cantoni devono applicare sul territorio il MoPEC, che fa parte della “Strategia Energetica 2050” della Confederazione.

mopec indicazioni cantonali sul consumo-energetico

Cosa vuol dire attuare il MoPEC?

In termini pratici e poco tecnici, il MoPEC dà direttive precise sul modo di costruire e/o di sostituire gli impianti delle abitazioni, affinché arrivino a produrre sempre meno CO2 e quindi a non inquinare l’ambiente. La Svizzera vuole che si costruisca sempre più seguendo il principio dell’edilizia green, secondo il quale i materiali usati devono essere quanto più naturali e gli impianti a energia rinnovabile.

Un consiglio davvero importante: È ora il momento giusto per sostituire il tuo vecchio impianto di riscaldamento con una termopompa o di fare altri lavori che aumentino la classe energetica della tua abitazione (isolazione termica, rifacimento tetto, sostituzione serramenti, impianto fotovoltaico o solare termico). Sai perché è il momento ideale? Perché il MoPEC non è ancora Legge, questo ti permette di scegliere liberamente i lavori da fare e gli impianti a un prezzo vantaggioso. Nel momento in cui il MoPEC sarà Legge, sicuramente i costi di installazione aumenteranno notevolmente.

Termopompa mopec

Il MoPEC per gli edifici nuovi

A partire dal 2020, gli edifici di nuova costruzione dovranno produrre in maniera autonoma il fabbisogno annuale di energia per il riscaldamento (se possibile) e una parte significativa del fabbisogno di energia elettrica. A questo riguardo sono connesse tutte le varie certificazioni CECE, CECE Plus, MINERGIE etc (che però non approfondiamo in questo articolo).

Il MoPEC per gli edifici costruiti prima del 1990

A partire dal 2020, la ristrutturazione degli edifici deve prevedere un rinnovo dell’impianto di riscaldamento: la produzione di acqua calda dovrà avvenire principalmente tramite energie rinnovabili. Non solo, sono caldamente consigliati tutti i lavori di ristrutturazione che apportano un aumento della classe energetica dell’involucro.

Ora hai due opzioni:

  1. Sostituire il tuo vecchio impianto di riscaldamento con un nuovo modello più efficiente; rinnovare i serramenti e/o coibentare le facciate dell’edificio e/o il tetto, in questo modo ridurrai il consumo di energie fossili di almeno il 10%. 
  2. Aggiungere al tuo impianto di riscaldamento a energia fossile una soluzione che ti permetta di sfruttare almeno il 10% di energia proveniente da fonti rinnovabili.

Tutti i lavori in casa che prevedono il passaggio alle energie rinnovabili e l’aumento della classe energetica hanno diritto a importantissimi incentivi Cantonali e Federali. Per saperne di più scarica ora la nostra Guida agli Incentivi 2020.

Scarica la guida agli incentivi 2020

Condividi:
Email Whatsapp Facebook LinkedIn
Whatsapp Chat
Invia tramite WhatsApp