• Home
  • Magazine
  • Manutenzione ordinaria e straordinaria del tetto

Manutenzione ordinaria e straordinaria del tetto

La manutenzione ordinaria del tetto è una buona abitudine che tutti dovremmo seguire, ma cosa comporta nel concreto? Quando va fatta? Chi la deve fare? Ecco una piccola guida che può aiutarti a prenderti cura del tetto della tua casa.

Manutenzione del tetto: NO al fai-da-te

La pulizia del tetto deve essere eseguita regolarmente, ma attenzione a farla da soli e senza un’adeguata preparazione. Anche se si tratta di salire sul tetto e rimuovere le foglie, infatti, serve un equipaggiamento adeguato per poter lavorare in sicurezza e scongiurare spiacevoli incidenti. Contatta quindi un professionista e affidati a lui per avere un tetto sempre performante senza rischi.

manutenzione-tetto

Manutenzione ordinaria del tetto: cosa prevede

Quando si parla di manutenzione ordinaria del tetto si intende una verifica che deve essere effettuata almeno una volta all’anno e che è mirata ad individuare eventuali tegole rottegrondaie che si stanno staccando, tagli e infiltrazioni nella copertura isolante e presenza di foglie o nidi sui comignoli. In questi casi la pulizia o la riparazione sarà piuttosto veloce e, tenendo monitorata la salute del tetto in modo costante, si potranno evitare danni maggiori alla struttura.

Cosa fare se invece serve un intervento di manutenzione straordinaria

La manutenzione straordinaria del tetto viene effettuata molto più saltuariamente, in alcuni casi addirittura ogni 10/15 anni e comprende il controllo più mirato degli elementi strutturali. In questo caso, per esempio, si potrà provvedere ad una verifica di eventuali infiltrazioni d’acqua che stanno apportando danni all’edificio, oppure eseguire un trattamento specifico per le travi di sostegno, o addirittura valutare il rifacimento dell’intera copertura per ottenere un tetto più performante dal punto di vista energetico e migliorare il comfort abitativo.

Poiché la manutenzione straordinaria del tetto prevede un intervento più invasivo che può durare da alcuni giorni ad alcune settimane di lavoro, in questi casi è necessario anche richiedere particolari permessi comunali, che assicurano l’esecuzione dei lavori secondo standard condivisi, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza degli operai costretti a lavorare in altezza.

tetto

Quest’anno hai già provveduto alla manutenzione ordinaria del tetto? No? Allora richiedila ai nostri professionisti: il preventivo è gratuito!