• Home
  • Magazine
  • La scelta del letto, compagno di notti serene e riposanti

La scelta del letto, compagno di notti serene e riposanti

I nostri consigli per un letto adatto alla vostra camera

Letti protagonisti della nostra vita. Non ci credete? Invece spendiamo mediamente un terzo della nostra vita nel sonno… vale certamente la pena di dedicare qualche ora alla scelta del letto giusto, che ci accompagnerà per molti anni a venire.

La struttura del letto, la sua parte esterna, sarà la prima che vedremo ogni mattina al risveglio, occuperà una porzione notevole della stanza, andrà quindi scelta con criterio, solo in seguito ci dedicheremo a reti e materasso. Il primo passo è valutare attentamente lo spazio a disposizione, la posizione delle finestre, e la quantità di altri mobili da posizionare: teniamo conto che attorno al letto andrebbe lasciato uno spazio di 60/70 cm per lato, per muoversi agevolmente. Stabilite le misure, e la posizione in cui collocarlo, possiamo scegliere la struttura del letto tra i vari modelli a disposizione, con un occhio di riguardo per le nostre particolari esigenze di funzionalità.

Soluzioni per camere piccole: letti semplici e funzionali

La stanza è piccola? Evitiamo letti extralarge, dotati di enormi testiere, o pediere troppo alte che rimpiccioliscono ulteriormente lo spazio. Scegliamo un letto essenziale, non troppo largo, in legno verniciato con finiture atossiche, o rivestito di materiali naturali come cuoio, pelle, eco-pelle o tessuto. Se amiamo lo stile romantico del baldacchino, scegliamo una struttura leggera, e non appesantiamola con tendaggi riccamente decorati: preferiamo tende chiare o zanzariere impalpabili. Nel caso di letti imbottiti e rivestiti,detti anche Sommier, verifichiamo che siano sfoderabili e antimacchia, per maggiore comodità di lavaggio: il letto è uno strumento di riposo, deve essere confortevole e pulito, oltre che bello.

Un’opzione interessante per spazi ridotti è quella del letto con contenitore: sceglietene uno che permetta di rialzare il materasso in posizione orizzontale, per cambiare agevolmente le lenzuola, in aggiunta alla posizione di ribalta semplice che scopre il cassettone contenitore posto sotto la rete. Un piccolo accorgimento: evitate questo tipo di letto se soffrite di allergie alla polvere: il letto a contenitore poggia direttamente sul pavimento rendendo difficili le operazioni di pulizia e di areazione del materasso. Potrete scegliere un letto con dei cassettoni che si spostano manualmente: massima funzionalità, e pulizia più facile.

 

Letti per tutte le esigenze di stile, di sonno, e di sogno

Non potete rinunciare ad uno stile barocco in camera da letto? Se la stanza è abbastanza spaziosa ciò che fa per voi è un letto con una testiera imbottita, una pediera imponente rivestita di velluto o seta, un baldacchino impreziosito da strati di stoffe in nuance. Il vostro letto vi porterà così nelle ricche corti settecentesche, o, se opterete per il legno scuro, i dettagli ad intarsio e le stoffe etniche, in un’atmosfera da mille e una notte. Se volete invece ricreare un ambiente naturale e semplice, scegliete un letto in stile giapponese: una moderna rivisitazione del classico futon (un materasso molto sottile, arrotolabile, che poggia direttamente a terra, molto diffuso nelle case giapponesi). Il letto giapponese si adatta a qualunque stanza, tuttavia non è consigliabile a chi soffre di mal di schiena, dato che la sua struttura portante in legno è molto più bassa di quelle a cui siamo abituati, e il materasso vi poggia direttamente, senza rete né doghe.

Un consiglio agli amanti della lettura: scegliete un letto con una testiera comoda, spaziosa, imbottita e lavabile per garantirvi lunghe ore in compagnia dei vostri autori preferiti. La testiera in ferro battuto garantisce l’effetto vintage primo novecento: sceglietela con effetto di finitura antiruggine, e sognate gli anni del Fox Trot!

Inizia oggi il tuo progetto

Richiedi 3 preventivi ad aziende ticinesi

Richiedi preventivo gratis!