Cucina senza pensili, tutto a vista

Il gusto per una cucina “vissuta”, dove tutto è a portata di mano e lasciato a vista, si traduce in una composizione senza pensili, sostituiti da ripiani e barre appenditutto in metallo.
La cucina dalla massima libertà compositiva, con arredo organizzato in blocchi e elettrodomestici freestandig, garantisce così una zona cottura accogliente e informale.

cucina2

Adatta anche per ambienti indipendenti e di dimensioni contenute, la cucina a blocchi separati rafforza il proprio ruolo negli open space. Con elettrodomestici a libera installazione, è improntata a uno stile che può diventare il tratto distintivo che caratterizza l’intera abitazione.

Senza pensili, la composizione rievoca gli arredi di un tempo, ma l’effetto finale risulta molto attuale. Una delle tendenze del momento è infatti quella di optare per moduli base, sistemati in linea lungo la parete o a isola, affidando eventualmente un’aggiuntiva funzione dispensa ad armadiature a colonna, anche separate dal resto della cucina.

cucina3

Da un punto di vista estetico, quando si devono accostare mobili e apparecchiature freestanding, è importante che l’insieme risulti dinamico ma al tempo stesso ordinato e ben equilibrato. Alle estremità vanno quindi sistemati gli elementi più alti, come frigo e cappa, meglio se raccordati da uno schienale.

Ricordate però che quando si accostano pezzi a sé stanti, è fondamentale puntare su un elemento che raccordi l’insieme.

Inizia oggi il tuo progetto

Richiedi 3 preventivi ad aziende ticinesi

  • Hai trovato questo articolo utile?
  • SI   NO

Start typing and press Enter to search