Come realizzare un impianto di irrigazione

Titolare della Hofer Degiorgi SA e specializzato nella progettazione e manutenzione di spazi verdi, è alla guida dell’azienda di famiglia.


Un impianto di irrigazione ti aiuta a mantenere il tuo giardino sempre rigoglioso, bagnando periodicamente l’erba, ma anche piante, fiori e ortaggi così che possano crescere in salute. Per far sì che un impianto di irrigazione ti faccia dimenticare di bagnare il prato, però, è importante che sia realizzato con metodo. Ecco gli step da seguire per realizzare un sistema a regola d’arte.


Scegli la tipologia di impianto

I diversi impianti di irrigazione che trovi sul mercato non differiscono solo per il costo finale, ma anche per dimensione, portata e utilizzo. Se vuoi un impianto per irrigare un giardino domestico, per esempio, è meglio optare per soluzioni automatiche e interrate, che non saranno d’intralcio quando tagli l’erba e che bagneranno il prato anche quando sei al lavoro o in vacanza, se invece cerchi un sistema che ti aiuti a prenderti cura dell’orto, meglio un impianto a goccia, che bagna il terreno vicino alla radice degli ortaggi e ne facilita la crescita.

irrigazione-giardino-casa

Progetta l’impianto

Prima di procedere all’installazione vera e propria di un sistema di irrigazione è bene definire nel dettaglio dove lo si vuole posizionare, così da capire in via preventiva quale superficie verrà coperta, quanti irrigatori servono, come collegarli all’impianto idraulico, in che direzione è meglio posizionarli… In questo caso, il nostro consiglio è quello di affidarsi ad un esperto che, grazie alla sua esperienza, saprà aiutarti sia nella valutazione del tipo di impianto necessario alle tue esigenze, sia nella definizione di tutti i dettagli che possono fare la differenza.

Il consiglio in più: Le temperature invernali possono far gelare l’acqua all’interno dell’impianto e rovinarne la struttura. Durante la progettazione, quindi, includi anche un sistema che ti permetta di prevenire le rotture e acquista tubature resistenti alle basse temperature.

Installa tubature e irrigatori

Quando il progetto è finito, puoi procedere con l’installazione vera e propria che prevede:

  • piccoli scavi per posizionare tubi ed erogatori
  • collegamento dell’impianto alla rete idrica
  • collegamento dell’impianto alla rete elettrica se il sistema funziona autonomamente
  • orientamento del getto d’acqua affinché arrivi sul terreno e non contro i muri della casa o sulla strada
  • Verifica finale del funzionamento corretto dell’intero impianto

irrigazione-giardino

Programma l’impianto

La vera comodità di un sistema automatico di irrigazione è la possibilità di programmare i giorni e gli orari in cui sarà in funzione, definendo anche tempistiche differenti in base alle differenti zone del giardino, ad esempio impostando un’irrigazione più frequente per le zone esposte al sole e un’irrigazione a giorni alterni per le zone a sud. Una volta che il sistema è funzionante, quindi, dedica qualche minuto all’impostazione dell’impianto e potrai finalmente toglierti il pensiero di dover bagnare il prato, i fiori e l’orto quando torni a casa!

Il consiglio in più: In estate ricorda di bagnare il tuo giardino al tramonto. In questo modo l’acqua potrà penetrare in profondità e non c’è il rischio che il sole battente la faccia evaporare prima che le tue piante l’abbiano assorbita.

Vuoi un prato sempre perfetto, ma spesso ti dimentichi di bagnarlo? Installa un impianto di irrigazione! Contatta i nostri partner come la Hofer De Giorgi di Comano e richiedi subito un preventivo senza impegno.