Case prefabbricate: una storia lunga 400 anni

Titolare di BAUM Studio, architetto specializzato nella progettazione di case prefabbricate innovative ed ecosostenibili.

Le case prefabbricate in legno sono ecosostenibili, efficienti dal punto energetico e molto alla moda, ma in pochi sanno che, sebbene stiano conoscendo un boom negli ultimi 10 anni, la loro storia risale addirittura al XVI secolo. Ecco come e perché sono nate le case prefabbricate!

Le case prefabbricate e la rivoluzione industriale

Il concetto di casa prefabbricata va di pari passo con la rivoluzione industriale. Questa tipologia di case, infatti, prevede che tutti i componenti vengano realizzati presso la sede delle aziende produttrici, mentre in cantiere si procede solo con l’assemblaggio, e per far questo si è dovuto aspettare il XVI quando, in Inghilterra, nascono le prime industrie, vero punto cardine della produzione delle case prefabbricate.

La colonizzazione dell’India

Mentre in Europa spopolava la rivoluzione industriale, l’oriente conosceva l’epoca della colonizzazione, altro tassello indispensabile per l’”invenzione” delle case prefabbricate. La necessità di urbanizzare grandi città in breve tempo nelle Indie e in tutte le colonie ha infatti spinto gli impresari edili inglesi a produrre componenti in serie che venivano velocemente assemblati in cantiere. Nulla a che vedere con le attuali case prefabbricate in legno altamente personalizzate, ma il concetto di produzione era pressoché identico: componenti di case prodotti in industrie specializzate che venivano poi assemblate sul luogo in cui sarebbe sorto l’edificio.

L’800, l’acciaio e il cemento

Nel corso del XIX secolo l’avvento del cemento e dell’acciaio in edilizia portò all’utilizzo del concetto di “prefabbricato” soprattutto nel settore pubblico, dove attraverso componenti standard vennero realizzati ponti, colonne e anche edifici, come il Crystal Palace di Sydenham Hill, Londra, o il Casino di Biarritz, in Francia.

A cavallo tra l’ottocento e il novecento lo sviluppo degli Stati Uniti d’America e la loro corsa verso Ovest portò alla necessità di avere case pronte da costruire e, così come era accaduto nel secolo precedente nelle Indie, proliferarono aziende specializzate nella realizzazione di veri e propri kit di montaggio per case prefabbricate. L’esempio più significativo fu la Aladdin Home dei fratelli Sovereign che avevano inventato il “readi-cut”, ovvero un set di legname pretagliato e pronto per essere assemblato come fosse un enorme kit di costruzioni per bambini!

Conosciuto in tutto il mondo per le sue strutture visionarie, negli anni ’10 anche il famoso Frank Lloyd Wright aveva ideato una casa componibile realizzata sulla base di moduli standardizzati. I materiali pregiati e gli elevati costi di produzione fecero sì che la Assembled House non venne mai realizzata, ma le teorie di Wright aprirono la strada ad un nuovo concetto di casa prefabbricata: non più un edificio da costruire in fretta e furia per necessità, ma case di prestigio costruite secondo procedure standard per ottimizzare i processi ed aumentarne la qualità.

Dopo la seconda guerra mondiale lo sviluppo di una rete autostradale capillare ed efficiente aiutò la crescita delle case prefabbricate così come intese da Wright che, negli anni, divennero sempre più personalizzabili sulla base di moduli standard di prestigio.

Le case prefabbricate oggi

Oggi le case prefabbricate sono costruzioni in legno altamente performanti, che rispettano gli ultimi dettami in materia di risparmio energetico, sicurezza, isolamento, e che possono essere personalizzate in
ogni dettaglio
, ma mantengono ancora il concetto chiave della loro invenzione: la facilità e velocità di costruire una casa confortevole ed accogliente!

casa-prefabbricata-ticino

Vuoi realizzare anche tu una casa prefabbricata in legno? Contatta i professionisti del settore come la Baum Studio di Riva San Vitale e richiedi subito un preventivo per la casa dei tuoi sogni!