Casa a prova di ladri: i 5 consigli della Polizia Cantonale | webcasa24
Home » Magazine » Impianti ed energie alternative » Casa a prova di ladri: i 5 consigli della Polizia Cantonale
casa a prova di ladri col tuo impianto di allarme

Casa a prova di ladri: i 5 consigli della Polizia Cantonale

Che tu abbia già un impianto d’allarme o che tu stia pensando di installarne uno, sappi che avere un sistema d’allarme in casa non ti protegge totalmente dall’intrusione di malintenzionati. Sì, hai letto bene, ci sono 5 cose che tu per primo devi fare per evitare che i ladri entrino in casa tua. Solo così aiuterai il tuo impianto d’allarme a fare il suo “lavoro.”


Ecco i 5 consigli che la Polizia cantonale stessa dà per evitare brutte sorprese in casa.

1. Mai dare informazioni per telefono

In generale, ricordati di non rilasciare mai per telefono informazioni private relative al tuo impianto d’allarme. Non dare codici di accesso e di spegnimento tramite SMS o via email, ma piuttosto prediligi le conversazioni telefoniche e soprattutto stai attento a chi trasmetti questi tipi di informazioni (devono essere tuoi familiari o persone di cui ti fidi particolarmente). Occhio alle truffe: se qualcuno ti chiama per chiederti dati sul tuo allarme e si spaccia per l’azienda installatrice, non rispondere alle domande. Se fosse l’azienda, avrebbe già in mano tutti i tuoi dati.

la sicurezza per il tuo impianto di allarme

2. Non lasciare le tue chiavi ad altri

Evita di lasciare le tue chiavi di casa ad artigiani o altri commercianti che potrebbero farne una copia a tua insaputa. Se devi fare lavori di ristrutturazione, grandi o piccoli che siano, è sempre meglio che tu stesso sia presente in casa per aprire agli artigiani ma anche per supervisionare il lavoro. Se invece si tratta di una grande ristrutturazione, è naturale che tu non possa sempre essere presente in casa. A quel punto, affidati a un general contractor che supervisioni e coordini i lavori per te e che sia una persona di cui puoi fidarti, che sai che non lascerà copie delle tue chiavi ad altri.

3. Non lasciare incustodito il telecomando del box

Esistono dei dispositivi usati dai malintenzionati, capaci di intercettare i segnali del tuo telecomando di apertura del cancello o del garage e di clonarli. In questo modo i ladri avranno un’esatta copia del tuo telecomando e potranno accedere alla tua abitazione come se fossi tu. Stai attento a non lasciare incustodito il tuo telecomando e ad attivarlo soltanto davanti al box.

telecomando garage e come usarlo in sicurezza contro i ladri

4. Sostituisci la serratura di casa

Una volta conclusa la ristrutturazione o la costruzione della tua abitazione, è sempre buona norma sostituire la serratura del portoncino d’ingresso per evitare che eventuali copie della tua chiave possano aprire la porta di casa.

5. Non lasciare chiari indizi della tua assenza

Soprattutto se vai via per molti giorni, è consigliabile non lasciare segni evidenti della tua assenza. Posta che si accumula o biglietti sulla porta lasciati dai vicini possono incoraggiare i ladri a entrare. Il consiglio della Polizia cantonale è di chiedere a un amico o a un parente di visitare casa tua a giorni alterni, per controllare che sia tutto a norma e per dare l’impressione che ci sia qualcuno.

impianto di allarme, i consigli del Cantone

In realtà i consigli della Polizia cantonale non sono finiti qui, ma ci sono ancora tre o quattro azioni che puoi fare per scoraggiare i ladri ad entrare nella tua abitazione.
Trovi questi ulteriori consigli nella Guida alla scelta dell’impianto d’allarme che puoi scaricare gratuitamente.


Oltre ai consigli della Polizia, nella Guida trovi preziose indicazioni su come scegliere l’impianto d’allarme giusto per te. Scarica subito la Guida alla scelta del miglior impianto d’allarme!

guida per gli impianti di allarme

Whatsapp Chat
Invia tramite WhatsApp